La stampa 3D

La stampa 3D è un processo di produzione che utilizza apposite stampanti per creare oggetti tridimensionali a partire da modelli digitali.

Manifattura additiva

La stampa 3D è conosciuta anche come manifattura additiva perché, al contrario del tradizionale modello di produzione che lavora sulla sottrazione, utilizza l’aggiunta di materiale come processo di creazione.

Stampa 3D in metallo

La Stampa 3D in metallo

La stampa 3D in filamenti metallici utilizza metalli in polvere per creare oggetti tridimensionali geometricamente complessi e che trovano un’ampia varietà di applicazioni.

La stampa 3D è considerata il metodo di produzione del futuro nell’ambito della fabbricazione di componentistica in metallo. Negli ultimi anni, infatti, la tecnologia ha mostrato risultati più che promettenti e generando fermento in vari settori, dando prova dell’incredibile valore aggiunto apportato alla produzione.

Oggi, la stampa 3D in metallo è diventata più accessibile, scalabile e robusta e ha iniziato a occupare una parte sempre più importante dei meccanismi di produzione di moltissime aziende.

Scopri tutti i dettagli

Stampa 3D in metallo: materiali disponibili

La stampa tridimensionale dei metalli utilizza un’ampia gamma di leghe metalliche tra cui:

  • Stampa 3d in acciaio inox 17 4 ph

    Acciaio Inox 17-4 PH

    un acciaio inossidabile multiuso che può raggiungere una durezza di 36 HRC e una resistenza a trazione pari al 95% dello stesso materiale lavorato dal pieno. È particolarmente indicato per le applicazioni industriali.

     

    → Scarica la scheda tecnica

  • Stampa 3d in acciaio inox h13

    Acciaio H13

    Più duro dell’acciaio inox 17-4 PH, questa tipologia è estremamente versatile e può essere utilizzato per tutti gli articoli che richiedono durezza o resistenza al calore.

     

    → Scarica la scheda tecnica

  • Stampa 3d in acciaio A2

    Acciaio A2

    È un acciaio universale che unisce ottima resistenza all’usura e tenacità.

     

    → Scarica la scheda tecnica

  • Stampa 3d in acciaio D2

    Acciaio D2

    Un acciaio molto resistente all’usura, ma meno tenace rispetto all’acciaio A2, ideale per le applicazioni in cui viene richiesta un’elevata durezza.

     

    → Scarica la scheda tecnica

  • Stampa 3d in Rame

    Rame

    Un metallo dall’elevata capacità conduttiva ed estremamente duttile, adatto a essere utilizzato per applicazioni termiche ed elettriche.

     

    → Scarica la scheda tecnica

  • Inconel 625

    È una superlega a base di nichel-cromo capace di resistere anche alle alte temperature. Facile da stampare e adatto alla creazione di prototipi funzionali.

     

    → Scarica la scheda tecnica

Stampa 3D in metallo: possibili utilizzi

La stampa 3D in metallo permette molteplici utilizzi. Attualmente viene impiegata principalmente per la creazione di componenti e parti finite in diversi settori, tra cui:

  • Apparecchiature industriali
  • Automotive
  • Beni di largo consumo
  • Elettronica
  • Energia
  • Enti federali e difesa
  • Industria aerospaziale
  • Medico-odontoiatrico
  • Sviluppo prodotto

Perché scegliere la stampa 3D in metallo?

  • Possibilità di sviluppare geometrie complesse
  • Facilità di adattamento a qualsiasi design
  • Personalizzazione elevata
  • Semplicità e velocità di realizzazione
  • Ciclo di produzione breve
  • Costi ridotti
Stampa 3d in materiali compositi

La stampa 3D in materiale composito

La stampa 3D in materiale composito permette di produrre componenti e oggetti finali dall’elevata resistenza e trazione, che permettono di sostituire l’utilizzo del metallo in svariati campi di applicazione.

La stampa 3D in materiale composito utilizza un composto base che a sua volta viene rinforzato con diverse tipologie di fibre continue, tra cui ad esempio la fibra di carbonio, per aumentarne il livello di resistenza a rottura, impatto e snervamento.

Il materiale di base utilizzato da Bonpez è l’Onyx, un materiale che garantisce un’elevata stabilità dimensionale, non richiede nessun lavoro di post processing e non produce polveri rischiose per la salute. Inoltre, la lavorazione dell’Onyx è una produzione a basso consumo energetico, quindi più economica e sostenibile.

Scopri tutti i dettagli

Stampa 3D in materiale composito: i composti di base

La stampa 3D in materiale composito prende sempre avvio da un materiale di base, che può essere:

  • Stampa 3d in Onice

    Onyx

    È un nylon caricato con microfilamenti di carbonio che grazie alla sua versatilità permette di realizzare parti accurate con una finitura perfetta, garantendo resistenza, tenacità e resistenza chimica.
    La variante Onyx FR è ignifuga, mentre la Onyx ESD è protetta contro scariche elettrostatiche

     

    → Scarica la scheda tecnica Onyx
    → Scarica la scheda tecnica Onyx FR
    → Scarica la scheda tecnica Onyx ESD

  • stampa 3d precise PLA

    Precise PLA

    Materiale plastico facile da stampare, disponibile in diverse colorazioni ed economico, particolarmente adatto alla stampa di prototipi.

  • Stampa 3d in Nylon

    Nylon

    Materiale termoplastico tecnico ad alta scorrevolezza ideale per la produzione di superfici ergonomiche e supporto per pezzi con superfici delicate.

     

    → Scarica la scheda tecnica

  • Smooth TPU 95A

    Materiale simile alla gomma che permette di creare parti flessibili e in grado di assorbire gli urti su richiesta.

     

    → Scarica la scheda tecnica

Stampa 3D in materiale composito: i materiali di rinforzo

Per la stampa 3D in materiale composito, al composto di base si possono unire diversi componenti di rinforzo in fibra continua:

  • Stampa 3d in fibra di carbonio

    Fibra di carbonio

    Materiale estremamente rigido e resistente che, unito a un composito di base, può produrre manufatti con una resistenza pari a quella dell’alluminio 6061-T6. La fibra di carbonio ha anche una variante ignifuga, la fibra di carbonio FR, dalla resistenza ancora più elevata.

     

    → Scarica la scheda tecnica

  • Stampa 3d in kevlar

    Kevlar

    Materiale altamente resistente utilizzato principalmente in applicazioni a elevato impatto, permette di realizzare componenti estremamente resistenti agli urti e quasi totalmente immuni alla rottura.

     

    → Scarica la scheda tecnica

  • supporto

    Fibra di vetro

    Fibra continua termoresistente adatta alle applicazioni industriali. La Fibra di vetro HSHT offre una maggiore resistenza meccanica (quasi uguale all’alluminio 6061-T6) e alle alte temperature (fino a 145°C).

     

    → Scarica la scheda tecnica

Stampa 3D in materiale composito: possibili utilizzi

La stampa 3D in materiale composito è particolarmente versatile e si adatta facilmente a diversi utilizzi, tra i quali:

  • Attrezzature a resistenza elevata
  • Calibri per l’ispezione e il controllo
  • Componentistica per utilizzo finale
  • Prototipi funzionali
  • Staffe e supporti
  • Componentistica sostitutiva a quella in plastica
  • Contenitori
  • Supporti per sensori
  • Componenti di design
  • Dime e posaggi

Perché scegliere la stampa 3D in materiale composito?

  • Garanzia della miglior resistenza a flessione
  • Sviluppo di una grande varietà di geometrie
  • Personalizzazione elevata
  • Riduzione dei costi
  • Flessibilità nella produzione
nylon 12

La Stampa 3d in polveri di Nylon

Tra i materiali più utilizzati nella stampa 3D ci sono le polveri di Nylon, scelte per la loro versatilità, resistenza, elasticità, il basso costo e la facilità di produzione, caratteristiche che possono essere associate anche a prodotti ad alta precisione, ottenuta grazie alla tecnologia SLS che sfrutta, al posto dei classici filamenti, le polveri plastiche.

Nell’Additive Manufacturing, le termoplastiche, fondendosi, formano l’oggetto desiderato, strato dopo strato, dotando il prodotto di qualità uniche.

Scopri tutti i dettagli

La Stampa 3d in termoplastiche: materiali

Di seguito riportiamo le polveri di Nylon e termoplastiche ad oggi disponibili.

  • nylon 12

    Nylon 12

    Materiale estremamente versatile, adatto sia alla realizzazione di prototipi funzionali, sia alla produzione di assemblaggi complessi.

Stampa 3D in termoplastiche: possibili utilizzi

La Stampa 3D SLS è ideale per:

  • Prototipazione ad alte prestazioni
  • Produzione in lotti di piccole dimensioni
  • Dime, fissaggi e attrezzature
  • Parti biocompatibili e sterilizzabili
  • Componenti per l’industria elettronica e connettori

Perché scegliere la stampa 3D in materie plastiche da polveri di Nylon?

La stampa 3D da polveri di Nylon o termoplastiche viene scelta perché permette di stampare con facilità design complessi con elementi sporgenti, geometrie intricate, parti a incastro, canali interni e altro.
Garantisce:

  • libertà di progettazione
  • alti livelli di produttività e rendimento
  • costo per unità inferiore
  • materiali testati per l’utilizzo finale
stampa 3d resine

La Stampa 3D in fotopolimeri

Il buon equilibrio tra proprietà chimiche e meccaniche rende i fotopolimeri ideali in molti settori che richiedono un alto livello di dettaglio, come il settore aerospaziale, il settore automobilistico, la robotica o in campo medico.

Scopri tutti i dettagli

Stampa 3D in fotopolimeri: materiali

La stampa 3D da resine utilizza particolari materiali dotati di elevata elasticità, rigidezza o altre caratteristiche speciali dettate dall’occorrenza.

  • Figure 4 Tough 65C Black

    Termopolimero nero versatile ad alte prestazioni, dotato di eccellente resistenza agli urti, con temperatura di sollecitazione di 70 ˚C, allungamento alla rottura del 35% e infiammabilità UL94 HB

  • Figure 4 Tough 60C White

    Con una temperatura di sollecitazione di 65˚C e un allungamento alla rottura del 23%, questo tecnopolimero ideale per per parti durature che necessitano di resistenza e flessibilità. È richiesto anche per gli indossabili che toccano la pelle e le parti mediche che richiedono la capacità biocompatibile ISO-10993-5 e 10993-10.

  • Figure 4 Tough Clear

    Materiale trasparente ad alte prestazioni che offre stabilità ambientale ai raggi UV, all’umidità e chiarezza fino a 8 anni. La traslucenza può essere resa completamente trasparente con la post-elaborazione.

  • Figure 4 High Temp 150C FR Black

    Termopolimero ritardante di fiamma, conforme allo standard UL94 V0 con temperatura di sollecitazione >150 ˚C. È ideale per parti di produzione in plastica per le applicazioni dei settori aerospaziale e difesa, automotive e sport motoristici, nonché elettronica di consumo.

  • Figure 4 PRO Black 10

    Termopolimero rigido ad alte prestazioni, con proprietà meccaniche termoplastiche e stabilità ambientale a lungo termine. Presenta una temperatura di sollecitazione di 70˚C, un allungamento alla rottura del 12% e un’infiammabilità UL94 HB.

  • Figure 4 Rubber 65A BLK

    Fotopolimero ad alte prestazioni con resistenza alla lacerazione. Con durezza Shore 65A e conformità agli standard dei test di infiammabilità UL94 HB, consente di creare parti in gomma con proprietà performanti in produzione.

  • Figure 4 HI Temp 300-AMB

    Termopolimero traslucido resistente alle alte temperature, con HDT oltre i 300 °C a sollecitazione sia bassa che elevata (HDT a 0,455 e 1,82 MPa), ideale per HVAC, elettrodomestici di consumo, cabine motore, statori, stampi e simili

Stampa 3D in fotopolimeri: possibili utilizzi

Le nostre resine possono essere utilizzate in molti settori grazie alle qualità estetiche e alla possibilità di creare prodotti con un elevato grado di dettaglio:

  • Produzione di modelli per parti di gioielleria
  • Produzione di parti rigide
  • Prototipi di beni di consumo e componenti elettronici
  • Prodotti di largo consumo
  • Prodotti da verniciare o placcare
  • Modelli concettuali e di marketing
  • Contenitori e involucri
  • Flessibili, tubi, guarnizioni a strisce per isolamento, elementi di tenuta, rondelle, guarnizioni
  • Applicazioni mediche

Perché scegliere la stampa 3D in materie plastiche da resine?

La stampa 3D in plastica può essere utilizzata per costruire quasi tutto ciò che riguarda la prototipazione o la produzione di modelli dalle caratteristiche eccellenti, garantendo enormi vantaggi:

  • alta qualità finale
  • proprietà elastomeriche
  • resistenza alle alte temperature
  • personalizzazione nella produzione
  • rapidità di produzione
  • costi ridotti